Cos’è il leasing finanziario

13.06.2017 • Redazione ML

Cos’è il leasing finanziario o la locazione finanziaria?

Con questi termini si definisce un’operazione di finanziamento posta in essere da una banca o da una società finanziaria, la quale mette a disposizione, per un determinato periodo di tempo e dietro un corrispettivo periodico di un canone, un bene strumentale a un cliente.
La banca o la società di leasing acquista il bene da un’impresa produttrice o da un rivenditore. La scelta del bene è del cliente che lo utilizzerà per tutta la durata del finanziamento in leasing.
Il cliente si assume la piena responsabilità nella gestione del bene e ha la facoltà al termine del contratto di acquistarlo a un prezzo predefinito o eventualmente di recedere dal contratto e restituire il bene.

Cos’è il leasing finanziario: gli attori principali

  • La banca o la società di leasing che acquista in bene e lo mette a disposizione del cliente a fronte del pagamento di un corrispettivo periodico (canone);
  • Il cliente (impresa utilizzatrice) che sceglie e utilizza il bene a seguito della sottoscrizione del contratto di leasing con la banca o la società di leasing;
  • Il produttore o il fornitore che vende il bene alla banca o alla società di leasing.

Sono molti e diversificati i benefici economici e fiscali che spingono un’azienda o un libero professionista a scegliere il leasing finanziario invece che un finanziamento ordinario.

Sicuramente la deducibilità del canone ai fini IRES e ai fini IRAP (a esclusione della sola quota relativa agli interessi) secondo gli ordinari principi di competenza.
Una migliore gestione finanziaria dell’IVA che viene frazionata sui diversi canoni periodici invece che immobilizzata al momento dell’acquisto del bene.
La possibilità di dedurre il costo sostenuto per l’investimento in un periodo di tempo più veloce rispetto all’acquisto e di ricevere i benefici fiscali previsti per gli investimenti in beni strumentali nuovi (Super ammortamento, Iper ammortamento, Credito di Imposta Sud).

Cos’è un leasing finanziario: gli elementi che determinano la configurazione di un contratto

Il costo del bene finanziato (al netto dell’iva) che determina sia l’importo dei canoni che l’impresa andrà a sostenere durante tutta la durata del contratto sia l’anticipo versato dall’impresa al momento della stipula.
Nella maggior parte dei casi la periodicità dei canoni è mensile ma è comunque possibile prevedere una periodicità diversa (bimestrale, trimestrale, quadrimestrale, semestrale) a seconda della tipologia di bene soggetto del finanziamento e del profilo creditizio dell’impresa utilizzatrice.

La durata del contratto che è variabile in relazione alla tipologia del bene finanziato.

Ha un’importanza rilevante, inoltre, il valore di riscatto del bene al termine del contratto, quando il cliente esercita l’opzione d’acquisto del bene.

Possono essere presenti, infine, le spese assicurative e di istruttoria legate al contratto, variabili per ogni banca o società di leasing.

Liberi professionisti e leasing: come scaricare i costi

Torna all'archivio di "Normativa e Fiscalità"
Show Buttons
Hide Buttons