Agevolazioni fiscali: ancora più tempo per chi sceglie il leasing

29.11.2017 • Redazione ML

La sostituzione di macchinari soggetti al logorio temporale è fondamentale per la corretta gestione delle attività di quotidiana routine di un’impresa e il loro rinnovamento tramite leasing è una soluzione utile e sempre più usata dagli imprenditori.

Un settore in cui la sostituzione di macchinari obsoleti porterebbe maggiori benefici è certamente quello medicale.

Il rinnovamento tecnologico e l’accesso alla cosiddetta “Connected Care”, vale a dire l’adozione di strumenti tecnologicamente avanzati che consentono la condivisione dei dati tra ospedali e tra ospedali e cittadini, infatti, condurrebbe ad una notevole riduzione dei costi in ambito sanitario, evitando inutili sprechi.

Il rinnovamento tecnologico delle imprese, promosso dal Piano Industria 4.0 ha quindi dato nuova forza al tessuto imprenditoriale italiano, favorendo gli investimenti e la crescita del business aziendale.

A sostegno delle imprese, infatti, la Legge di Bilancio 2017 ha introdotto una serie di agevolazioni fiscali, che favoriscono la sostituzione di macchinari troppo obsoleti con attrezzature tecnologicamente avanzate; ed in particolare:

  • Super Ammortamento: supervalutazione del 140% degli investimenti in beni strumentali
  • Iper Ammortamento: supervalutazione del 250% degli investimenti in beni materiali nuovi, dispositivi e tecnologie abilitanti la trasformazione in chiave 4.0 ad alto contenuto tecnologico, prorogato al 30 settembre 2018
  • Sabatini Ter: attivazione del contributo in conto interessi del 2,75% per tutti i beni strumentali nuovi di fabbrica, maggiorato del 30% (3,575%) per i beni 4.0 ad alto impatto tecnologico.

Tali agevolazioni trovano nel leasing lo strumento finanziario ideale per effettuare investimenti, offrendo alle imprese la possibilità di acquistare macchinari innovativi, senza immobilizzare l’intero costo del bene.

Anche nel campo medicale, quindi, è possibile usufruire delle agevolazioni fiscali legate al leasing, anche se il tempo a disposizione sta per esaurirsi.

Per accedere ai benefici fiscali, infatti, le imprese dovranno effettuare i loro ordini entro il 31 dicembre 2017, versando almeno il 20% di anticipo, ricevendo il bene entro il 30 settembre 2018, per usufruire della proroga legata all’Iper Ammortamento.
Torna all'archivio di "Agevolazioni agli Investimenti"
Show Buttons
Hide Buttons