Legge di Bilancio 2018: quali agevolazioni fiscali per il settore agricolo?

5.02.2018 • Redazione ML

La Legge di Bilancio 2018 include numerosi interventi a favore del settore agricolo evidenziando l’importante valore che ricopre per il territorio italiano.

Vediamo le possibili agevolazioni fiscali offerte al mondo dell’agricoltura dalla Legge di Bilancio 2018.

  • Bonus verde (Comma 4-7)
  • Sgravi contributivi under 40 (Commi 66-67)
  • Distretti del cibo (Comma 291)
  • Iva agevolata carne (Comma 296)
  • Piano straordinario degli invasi (Commi 302-304)
  • Credito di imposta per l’acquisto di nuovi beni strumentali per le regioni del Mezzogiorno (Comma 495)
  • Superammortamento e Iperammortamento (Commi 14-20)
  • Beni strumentali (Nuova Sabatini)

Andiamo nel dettaglio di tutte le misure attivate dalla Legge di Bilancio 2018 e in particolare delle agevolazioni fiscali legate agli investimenti in macchinari tecnologicamente avanzati.

  • Bonus verde
    Detrazione del 36% per una spesa massima di 5.000€ per la sistemazione a verde di aree scoperte di edifici e immobili esistenti (inclusi anche realizzazione giardini, pozzi impianti irrigazione).
  • Sgravi contributivi under 40
    Esonero contributo nei primi 3 anni con successivo sgravio contributivo al 66% per il quarto anno e al 50% per il quinto anno a favore di imprenditori agricoli under 40 e che si iscrivono per la prima volta alla previdenza agricola nel corso del 2018.
  • Distretti del cibo
    Per il rilancio del settore e per il sostegno ai distretti sono stati stanziati 5 milioni di euro per il 2018 e 10 milioni a decorrere dal 2019. Possono aderire le imprese agricole, agroalimentari o sociali con progetti sull’impatto ambientale delle produzioni, lo spreco alimentare e la salvaguardia del territorio.
  • Iva agevolata carne
    Predisposta la compensazione IVA per le carni vive bovine e suine in misura non superiore, rispettivamente, al 7,7% e all’8% per ciascuna delle annualità 2018, 2019 e 2020.
  • Piano straordinario degli invasi
    Sono predisposte risorse finanziarie pari a 50 milioni di euro per la realizzazione del piano straordinario degli invasi.
  • Credito di imposta per l’acquisto di nuovi beni strumentali per le regioni del Mezzogiorno
    Incrementate per 200 milioni di euro nel 2018 e di 100 milioni di euro nel 2019 le risorse destinate al credito di imposta per l’acquisto di nuovi beni strumentali per le regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abbruzzo).
  • Superammortamento e Iperammortamento
    Prorogate le agevolazioni fiscali del Superammortamento e Iperammortamento nella Legge di Bilancio 2018 che permettono alle imprese e ai professionisti di maggiorare le quote di ammortamento a fronte di investimenti in beni strumentali nuovi di fabbrica.
    Questa agevolazione fiscale si applica ai soggetti del settore agricolo che rientrano nel reddito di impresa e che quindi determinano il reddito in base al bilancio. Vengono escluse le aziende agricole soggette a tassazione catastale.
      • Iperammortamento: supervalutazione del 250% degli investimenti in beni materiali nuovi, dispositivi e tecnologie abilitanti la trasformazione in chiave 4.0 acquistati o in leasing.
      • Superammortamento: supervalutazione del 130% degli investimenti in beni strumentali nuovi acquistati o in leasing.
  • Beni strumentali (Nuova Sabatini)Rifinanziata per 330 milioni di euro nel periodo 2018-2023 la “Nuova Sabatini”, è agevolazioni fiscale a sostegno per le micro, piccole e medie imprese di finanziamenti agevolati per investimenti in nuovi macchinari, impianti e attrezzature.

Le caratteristiche del finanziamento devono essere:

    • Durata non superiore a 5 anni
    • Importo compreso tra 000 euro e 2 milioni di euro
    • Interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili

Il contributo di questa agevolazione fiscale, erogato direttamente dal Ministero dello sviluppo economico (MiSE) all’impresa, viene calcolato su un piano di durata quinquennale con un importo pari all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo del:

      • 2,75% per gli investimenti ordinari
      • 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (investimenti in “industria 4.0” indicati negli allegati 6°/6B alla circolare 15 febbraio 2017 n.14036 e s.s.mm.ii.)

Per le imprese agricole bisogna precisare che la Nuova Sabatini non può essere cumulata con aiuti de minimis ai sensi del regolamento (CE) n. 1535/2007 e che l’iter per la richiesta risulta essere più articolato rispetto alle altre tipologia di impresa.

Tutte queste agevolazioni fiscali inserite nella Legge di Bilancio 2018, si rivelano utili alle imprese agricole o agroalimentari che vogliono incrementare la produzione, sostituire i loro vecchi macchinari e migliorare le prestazioni.

Banca IFIS Impresa sostiene le imprese agricole supportandole nelle diverse formule di finanziamento.

Torna all'archivio di "Agevolazioni agli Investimenti"
Show Buttons
Hide Buttons