LEASE 2018 conferma il trend positivo del leasing in Italia

23.03.2018 • Redazione ML

Si è concluso Lease 2018, l’evento dedicato a leasing e noleggio, dove è stato confermato il trend positivo del leasing anche per i primi due mesi del 2018 con una crescita del +9,9% in numero e del +12,7% in valore, e i nuovi contratti raggiungono circa 130mila stipule per un valore complessivo di 4,6 miliardi di euro, dopo che nel 2017 l’erogato ha
superato quota 26,4 miliardi di euro.

Nel bimestre gennaio-febbraio, secondo i dati presentati a Lease 2018,  il leasing Strumentale mette a segno un +17,5% nel numero e un +22,2% in valore, trainato dall’ottima performance del leasing finanziario (+30% in valore), che rappresenta oltre l’80% del totale del comparto. Dinamica positiva anche per il comparto Automotive – autovetture, veicoli commerciali e industriali – con +7,5% di immatricolazioni e +9,5% in valore. Riprende a crescere l’Immobiliare (+16,2% in valore), in particolare grazie alla ripresa del sotto-comparto «costruito» (+28,7% in valore).

“Lease 2018 nasce come uno strumento di rafforzamento del Leasing e del Noleggio a lungo termine nell’ambito della crescita economica del Paese” spiega il Presidente di Assilea, Enrico Duranti “per questo abbiamo voluto aprire la prima edizione del Salone sul tema di Impresa 4.0”.

Nel corso dei due giorni sono stati affrontati molti temi di rilevanza per l’impresa italiana e il mondo del leasing: dalle nuove normative e come affrontarle, agli NPL in questo settore. Particolare focus è stato fatto sull’innovazione dei servizi, partendo dalla crescita della richiesta di questo strumento finanziario e dalla necessità quindi di migliorare l’accesso al cliente finale.

In particolare il tema è stato trattato nella round table  ‘Organizzazione e innovazione nei servizi finanziari’ dove si è discusso di come la rivoluzione nel finanziamento alle imprese si percorra anche tramite l’innovazione nei processi ed alla proattività verso il mercato di riferimento. In prima linea Massimo Macciocchi, Consigliere Delegato di IFIS Leasing,  che ha portato la testimonianza della digitalizzazione dei servizi di Banca IFIS Impresa nel leasing, in particolare l’adozione della firma digitale. Introdotta a dicembre 2017 su tutti i contratti di leasing del segmento autoveicoli, ad oggi la firma digitale di Banca IFIS Impresa ha già raggiunto il 50% di incidenza di utilizzo. Nei prossimi mesi l’innovazione della firma digitale verrà estesa anche agli altri segmenti di mercato del leasing nei quali la Banca è presente.

“Lease 2018 ha confermato l’interesse e il forte trend di ripresa degli investimenti delle imprese italiane che fanno maggiore ricorso allo strumento del leasing, con stime di crescita molto positive per tutto il settore già dai primi mesi del 2018” ha detto Macciocchi. “Viviamo un momento in cui il sistema imprenditoriale italiano, supportato anche dagli incentivi governativi, sta investendo ed innovando. Banca IFIS Impresa è a fianco dell’Italia che produce, offrendo livelli sempre più elevati di qualità ed efficienza operativa, una forte digitalizzazione dei servizi e la competenza di una Banca che lavora quotidianamente con le imprese. Nei prossimi mesi – sottolinea – vedranno la luce nuove iniziative tese a migliorare la user experience dei nostri clienti grazie all’utilizzo della tecnologia e del web a 360 gradi”.

Torna all'archivio di "Leasing e Noleggio"
Show Buttons
Hide Buttons