Le fasi di un contratto di leasing finanziario

24.04.2018 • Eva Vazzoler

Il leasing finanziario è una tipologia di contratto di leasing molto utilizzato sia dalle imprese che dai consumatori, la quale vede un intermediario finanziario concedere un bene, per un determinato periodo di tempo e sotto il versamento di un canone periodico, ad un terzo utilizzatore (il cliente).

Le fasi di un’operazione di leasing finanziario si concentrano principalmente in 4 step:

  • Istruttoria;
  • Redazione del contratto, con versamento dell’anticipo richiesto, ordine di produzione del bene e consegna di questo;
  • Versamento periodico dei canoni da parte dell’utilizzatore;
  • Riscatto del bene con versamento dell’importo pattuito nel contratto o prorogazione dell’utilizzo a condizioni economiche prestabilite;

Nella fase di istruttoria si va a verificare l’affidabilità del cliente e la fungibilità del bene. Quest’ultimo aspetto è determinante per la valutazione del rischio connesso all’operazione e di conseguenza alla determinazione del costo.

I documenti richiesti in questo step sono:

  • la richiesta formalizzata o di leasing,
  • il certificato di vigenza che attesta la presenza o meno di procedure liquidatorie o concorsuali,
  • la partita iva o il codice fiscale dell’utilizzatore e i bilanci societari o le dichiarazioni dei redditi degli ultimi anni.

Per alcune tipologie di beni, sono richiesti eventualmente altri documenti, come nel caso di autoveicoli in cui è richiesta anche la polizza assicurativa del mezzo.

Se questa fase da esito positivo, si procede alla stesura del contratto di leasing e alla consegna del bene.

Perfezionato il contratto di leasing e redatto in forma scritta, si procede con il versamento dell’anticipo e con l’ordine al fornitore per la produzione del bene. Una volta ultimato, il bene viene consegnato al cliente il quale deve firmare una “dichiarazione di accettazione o consegna” che attesta l’arrivo del bene al suo domicilio. Da quel momento, il cliente è tenuto al versamento dei canoni periodici nelle date prestabilite nel contratto.

Al termine prefissato dal contratto di leasing, il cliente decide se riscattare il bene e diventarne quindi proprietario, oppure prolungare l’utilizzo per un altro periodo. Il riscatto del bene avviene tramite il pagamento dell’importo pattuito nel contratto (cd. prezzo di riscatto finale) e diventa a tutti gli effetti di proprietà del cliente.

E’ un operazione più rapida rispetto al noleggio, personalizzabile a seconda delle esigenze del cliente che decide le caratteristiche del bene, e che consente di utilizzarlo e diventarne successivamente proprietario.

Torna all'archivio di "Leasing e Noleggio"
Show Buttons
Hide Buttons