Intervista a Roberto Gianti – Itdream

30.01.2019 • BM

Abbiamo intervistato Roberto Gianti, Amministratore della Itdraem Srl, una società che opera da fine anni Novanta nel mondo dell’Information Technology concedendo beni strumentali informatici ed elettronici tramite leasing e noleggio a lungo e breve termine.

Quali beni fornite in leasing e noleggio? E chi sono i vostri maggiori clienti?

Il nostro core business è la locazione di materiale informatico, dai sistemi evoluti quindi server, sistemi di iperconvergenza, fino alle postazioni di lavoro classiche forniamo quindi i computer, i notebook o i Mac necessari alle attività di office automation. Cediamo beni tecnologici sia tramite noleggio che attraverso contratti di leasing, una delle principali caratteristiche della nostra offerta è la possibilità di fornire attrezzature in noleggio anche per tempi molto brevi, fino a una sola giornata. Ciò ci ha permesso di essere protagonisti di grandi eventi: dal Festival del Cinema di Venezia, alle Olimpiadi invernali di Torino, dai Giochi del Mediterraneo che si sono tenuti a Pescara qualche anno fa, fino al G7 e al G8.

Dal punto di vista della clientela questo mercato negli anni è divenuto molto trasversale, mentre una volta il tipo di soluzioni che offriamo era prediletta soprattutto da aziende grandi e fortemente strutturate, oggi spaziamo da società di questo tipo, fino alla piccola azienda e all’impresa individuale. Non abbiamo dunque classificazioni merceologiche di riferimento, siamo molto presenti nel retail, nel terziario, nell’automotive, ma anche nella pubblica amministrazione, lavorando attraverso MePA.

Per quali motivi consiglia il leasing o il noleggio ai suoi clienti?

I motivi sono molteplici. Innanzitutto per i vantaggi fiscali, inoltre si hanno inclusi nel canone sempre dei prodotti assicurativi che nel caso del leasing sono il furto e incendio e nel caso del noleggio la All risk, quindi furto, incendio e danno accidentale. Si tratta poi di soluzioni finanziarie che consentono la programmazione delle scadenze, nel senso che c’è un turn over tecnologico e finanziario già preimpostato, ciò permette all’imprenditore da una parte di avere beni tecnologici aggiornati periodicamente e coperti da servizi e garanzie, dall’altra gli consente di definire il TCO (total cost ownership) di un prodotto senza incorrere nelle variabili di manutenzione, per esempio, che implica l’acquisto. Dunque riassumendo abbiamo: vantaggi fiscali, vantaggi operativi, programmando il turn over dei beni tecnologici e consentendo dunque alle aziende di essere sempre aggiornate, la protezione assicurativa, che ci consente di dare il canone come un costo finito privo di sorprese, infine, nel caso del noleggio, gli importi non sono soggetti ad un abbattimento della potenzialità finanziaria dei clienti, non finendo in centrale rischi. I vantaggi sono dunque di molteplice natura, difficile trovare un motivo per non approfittare di questo genere di soluzioni.

Quali sono le domande più ricorrenti che i clienti le fanno a proposito di queste soluzioni?

Principalmente ci viene chiesto se si possono cambiare i beni in corso d’opera, quindi se è possibile sostituire il prodotto prima della scadenza del contratto di noleggio o leasing, ma ciò è previsto solo nel caso si estingua anticipatamente il noleggio e si saldino le rate residue. Ci viene richiesta poi la possibilità di aggiungere beni, cioè di ottenere i cosiddetti contratti MLA (Master Lease Agreement) che prevedono una sorta di contenitore predeterminato dal punto di vista finanziario, che consente di fissare un tetto di spesa, senza la necessità però di acquisire i beni nello stesso momento, ma potendo richiederli all’insorgere dell’esigenza. I clienti poi spesso cercano maggiori informazioni relativamente alle assicurazioni e alle tipologie di copertura, inoltre già in sede di stipula molti chiedono capire come sarà gestita la fine del contratto.

Cedete tutti i beni ricorrendo al leasing e al noleggio o anche tramite altri servizi?

Il 70% del nostro fatturato lo sviluppiamo tramite servizi finanziari (leasing e noleggio a lungo e breve termine). Il restante 30% è composto invece da clienti ancora legati all’acquisto a cui concediamo beni in fornitura, quindi con la classica fattura di vendita.

Torna all'archivio di "Beni Tecnologici"
Show Buttons
Hide Buttons