Leasing e Iperammortamento: 5 cose da sapere

12.06.2019 • Beatrice Maurizi

L’iperammortamento favorisce l’acquisizione, anche in leasing, di beni strumentali volti alla trasformazione di un’impresa in chiave tecnologica e 4.0. Si tratta di un’agevolazione che si traduce in una percentuale di maggiorazione sulle spese in attrezzature e di conseguente aumento delle quote deducibili.

Vediamo insieme cosa tenere presente se si desidera richiedere dei macchinari in leasing e contemporaneamente approfittare dell’iperammortamento.

1. Chi può richiedere l’iperammortamento?

Possono accedere all’agevolazione tutte le aziende e i lavoratori autonomi, anche in regime de minimi, mentre sono esclusi i liberi professionisti forfetari e le imprese marittime per le attività legate alla tonnage tax.

2. Quali sono le aliquote per l’iperammortamento 2019?

Con la Legge di Bilancio 2019, rispetto agli anni precedenti, l’incentivo è stato rimodulato in base al volume di spesa che l’azienda intende sostenere. Le aliquote sono dunque differenziate in questo modo:

  • 270% per investimenti fino a 2,5 milioni di euro.
  • 200% per gli investimenti oltre 2,5 milioni di euro fino a 10 milioni di euro.
  • 150% per gli investimenti oltre 10 milioni di euro fino a 20 milioni di euro.

Queste aliquote si applicano sul totale degli investimenti e non sul costo del singolo bene; inoltre l’agevolazione è incrementale. Ad esempio, a fronte di una spesa in attrezzature di 6 milioni di euro, l’iperammortamento sarà del 270% fino a 2,5 milioni di euro e del 200% per i restanti 3,5 milioni, fino a 6 milioni di euro del valore complessivo dei beni acquisiti.

3. Oggetto dell’agevolazione

L’iperammortamento si applica ai beni strumentali nuovi il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati e/o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti, sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità​, dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in “logica 4.0”.

In generale l’agevolazione coinvolge le attrezzature comprese nell’allegato A (beni materiali) della L. 232/2016 (Legge di Bilancio 2017) e nell’allegato B, cioè beni immateriali come software, licenze, sistemi a condizione siano necessari a far funzionare i macchinari inclusi nell’allegato A.

4. Condizioni per poter utilizzare l’iperammortamento

L’impresa che richiede l’agevolazione deve dimostrare che il bene sia compreso negli allegati citati in precedenza e sia interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.

Il bene, inoltre, deve essere acquistato entro il 31 dicembre 2019 o in alternativa, entro la medesima data, l’ordine deve essere accettato dal venditore e deve essere avvenuto il pagamento di un acconto pari almeno al 20%.

5. Restituzione dell’agevolazione in caso di delocalizzazione

Nel caso in cui l’impresa decida di cedere a titolo oneroso o di delocalizzare il macchinario che ha beneficiato dell’iperammortamento, l’agevolazione dovrà essere restituita. Ciò avviene attraverso l’incremento del reddito imponibile dell’anno di imposta di un importo pari agli iperammortamenti già dedotti e relativi ai beni delocalizzati, senza ulteriori sanzioni o interessi.

La restituzione non coinvolge i beni agevolati che per loro stessa natura siano destinati all’utilizzo in più sedi produttive e, pertanto, possano essere oggetto di temporaneo utilizzo anche fuori del territorio dello Stato.

Torna all'archivio di "Agevolazioni agli Investimenti"
Show Buttons
Hide Buttons