Innovazione e tecnologia: il futuro è nell’agricoltura 4.0

5.09.2019 • Beatrice Maurizi

L’innovazione è la chiave del successo, anche per l’agricoltura italiana, un settore che affronta diverse sfide difendendosi abilmente tra i competitor, si attesta, infatti, al primo posto in Europa per valore aggiunto, al secondo per produzione, mentre guadagna la medaglia di bronzo per valore degli investimenti.

A partire da Expo 2015 la sfida del settore è stata adottare soluzioni tecnologiche sempre più avanzate e rispondere con l’innovazione ai limiti ancora presenti nel comparto. Dalle dichiarazioni Istat emerge, infatti, che “la ridotta estensione delle superfici coltivabili che caratterizza l’Italia conduce obbligatoriamente le possibilità di sviluppo attraverso la sostituzione del parco macchine, il secondo in Europa per numerosità, ma uno dei più obsoleti”. Risulta dunque necessaria un’inversione di rotta già iniziata negli ultimi anni con numerosi investimenti che puntano dritti ad aumentare la competitività delle imprese. Tra questi vi sono l’impiego del cosiddetto internet of farming, cioè l’utilizzo di tecnologie interconnesse fra loro al fine di ottimizzare produttività, sostenibilità e qualità.

Al centro del vortice dell’innovazione in campo agricolo, come rilevato recentemente dall’Osservatorio Smart Agrifood del PoliMi, vi sono inoltre le tecnologie legate alla tracciabilità della filiera, evidenziando risultati positivi per le imprese che le hanno integrate ai loro sistemi, migliorando la propria efficienza e diminuendo tempi e costi.

Il mercato del leasing e i trend di domani

Secondo un’indagine online condotta da Assilea, il 65% degli operatori si aspetta una crescita del leasing nel settore agricolo, dove in tre anni i dati rilevano un progresso di questa soluzione dal 7% al 9%. Le agevolazioni statali, inoltre, possono rivelarsi un sostegno fondamentale nei progetti di sviluppo delle aziende del comparto.

Di leasing strumentale e innovazione si è occupato anche As Lease Could Be, progetto di MondoLeasing, Assilea e Università Cattolica di Milano, i cui risultati sono stati presentati in occasione di Lease 2019. Tra i trend emersi spicca, infatti, la produzione biologica con la previsione che entro il 2021 il 10% del coltivato in Italia applicherà tecniche di ultima generazione. A proposito di tracciabilità sono state individuate 133 soluzioni sfruttate dal 30% delle imprese, oltre al crescente utilizzo di robot e droni per la mappatura del terreno e delle coltivazioni.

 

Vuoi sapere di più sul leasing di domani? Leggi anche il nostro articolo “I nuovi orizzonti del leasing strumentale”

Torna all'archivio di "Beni Agricoli"
Show Buttons
Hide Buttons