Come si contabilizza il leasing? Ecco quello che devi sapere

3.02.2020 • Antonella Cimagalli

Aziende e professionisti lo sanno: il leasing è un formidabile alleato per dare slancio alla propria attività. A fronte del pagamento di un canone, il leasing permette di avere a disposizione beni sempre nuovi, ma senza intaccare il proprio patrimonio. Ma come si contabilizza il leasing in bilancio?

Il principio di contabilità IFRS16 (International Financial Reporting Standards) entrato in vigore lo scorso anno, ha di fatto cambiato le modalità di contabilizzazione internazionale nel mondo del leasing. Dal gennaio 2019 infatti, il nuovo standard ha sostituito lo IAS17 (International Accounting Standards), con lo scopo di unificare il modello di contabilizzazione per tutte le tipologie di leasing, superando in pratica le differenze tra il finanziario e l’operativo.

Attenzione però: le società che adottano i principi nazionali OIC non sono tenute ad applicare le nuove regole, non essendo assoggettate alle disposizioni internazionali. In particolare, la nuova misura interessa solamente i locatari, poiché per i locatori resta ancora valido lo IAS17. Inoltre, per comprendere al meglio come si contabilizza il leasing, va ricordato che l’applicazione dell’IFRS16 è sempre dovuta, tranne che per i contratti di leasing di durata pari o inferiore a 12 mesi e per quelli in cui l’attività è di modesto valore: in questi casi l’applicazione del nuovo principio contabile è facoltativa. Vediamo nel dettaglio come è cambiata la disciplina e come si contabilizza il leasing nei prospetti di bilancio.

Cosa è cambiato con l’introduzione dell’IFRS16

Il nuovo principio comporta, come dicevamo, una sostanziale differenza tra leasing operativo (quando è l’impresa produttrice a concedere la disponibilità del bene direttamente all’utilizzatore) e leasing finanziario (caso in cui una società finanziaria acquista un bene per conto dell’utilizzatore, cedendolo in godimento allo stesso, secondo specifiche modalità). In particolare, per capire come si contabilizza il leasing, bisogna tenere presente che:

  • il leasing viene definito come categoria unitaria, senza la necessità di adottare diversi metodi di contabilizzazione;
  • diventa necessario contabilizzare sia l’asset nell’attivo patrimoniale, sia il debito verso il fornitore nel passivo patrimoniale. Il cosiddetto right of use sarà dunque soggetto ad ammortamento, mentre la passività sarà rimborsata nel tempo a fronte dei pagamenti del fornitore. Le attività e le passività vanno rilevate al valore attuale dei canoni dovuti dal contratto, considerando le opzioni di rinnovo e l’opzione finale di acquisto del bene (la cosiddetta maxi-rata).

Il nuovo principio contabile interessa numerose imprese IFRS adopter: lo scopo del cambiamento è quello di garantire maggiore chiarezza in termini di correttezza, veridicità e comparabilità del bilancio.

 

Torna all'archivio di "Leasing e Noleggio"
Show Buttons
Hide Buttons