Come misurare l’innovazione in azienda?

5.02.2020 • Beatrice Maurizi

Tecnologia, digitalizzazione, progresso sono temi di cui spesso si discute parlando di imprese e di business, se ne percepisce la necessità, ma il rischio è che non vi siano progetti chiari basati su obiettivi verificabili per rendere effettive queste opere. La questione può essere dunque riassunta in una domanda: come misurare l’innovazione in azienda?

Innovazione in azienda: dati e percezione

Recenti ricerche portate avanti da diverse istituzioni tra cui l’Osservatorio Startup Intelligence e PwC hanno evidenziato alcuni dati interessanti:

  • Nello studio PwC il 97% delle imprese ritiene che l’innovazione porti benefici e aumenti i ricavi.
  • Solo il 17% delle aziende analizzate da Startup Intelligence applica, però, metriche per misurare l’innovazione, inoltre tra chi le possiede, molti ritengono di doverle ancora potenziare.
  • Il 96% delle aziende crede che sia necessaria una vision per apportare con successo un processo di innovazione.
  • L’84% considera poi fondamentale anche un approccio strutturato in grado di gestire tutte le fasi.

Misurare l’innovazione in azienda secondo MIT e Ocse

L’incertezza su come misurare l’innovazione in azienda è chiara anche agli esperti del settore. Secondo la Sloan School of Management del MIT possono essere individuate tre categorie sulle quali può basarsi una valutazione:

  • L’innovazione del portafoglio
  • L’innovazione dei progetti
  • L’innovazione insita nel processo stesso

L’Ocse propone, invece, quattro tipologie in base alle quali valutare l’innovazione:

  • del prodotto o del servizio
  • del processo di produzione o fornitura
  • del marketing
  • dell’operatività interna o esterna all’azienda

Non vi è dunque unanimità in materia anche se queste categorizzazioni possono orientare il giudizio su quali siano le metriche a cui prestare attenzione.

Professionisti e strumenti di innovazione

È evidente che avere dimestichezza con tutti gli indicatori coinvolti nella misurazione dell’innovazione in azienda risulta davvero complesso. Innanzitutto il processo coinvolge diverse funzioni all’interno dell’azienda: dalle risorse umane, alla produzione, al marketing, fino al reparto logistica, ma è possibile se non altro dare avvio a questo percorso di innovazione e monitoraggio della stessa attuando alcune operazioni.

Da una parte vi è la possibilità di affidarsi a dei professionisti che si occupano di accompagnare le aziende nei percorsi di innovazione: gli Innovation Manager a cui un’impresa può chiedere consulenza nel caso in cui voglia sviluppare un progetto integrato. Dall’altra è possibile muovere i primi passi in modo tangibile investendo in attrezzature all’avanguardia, a cui potranno essere associati modelli basati su indicatori dell’aumento della produzione, dell’efficientamento del processo o della rapidità nella consegna (nel caso del comparto logistico, ad esempio).

In questo processo soluzioni finanziare come il leasing per beni strumentali e le agevolazioni (i.e. Nuova Sabatini) possono sostenere le imprese e aiutarle a intraprendere un passo dopo l’altro i percorsi necessari non solo a realizzare, ma anche a scegliere come misurare l’innovazione in azienda.

 

Torna all'archivio di "Beni Industriali"
Show Buttons
Hide Buttons