Ecobonus auto: le novità a partire da agosto

5.08.2020 • Redazione ML

Dal 1° agosto scorso è già possibile prenotare sul sito ecobonus.mise.gov.it l’Ecobonus auto per l’acquisto – anche in leasing finanziario – di veicoli a basse emissioni di categoria M1, vale a dire quelli destinati al trasporto di persone, con almeno 4 ruote e al massimo otto posti a sedere (oltre al sedile del conducente).

Premesso che è ancora valido il vecchio contributo Ecobonus auto per chi acquista – anche in leasing finanziario – tra il 1° marzo 2019 e il 31 dicembre 2021 auto nuove di fabbrica e con emissioni di CO2 non superiori a 60 g/km e sempre immatricolate in Italia, con prezzo inferiore a 50mila euro (iva esclusa), il cd. Decreto Rilancio ha stabilito che le auto incentivabili con il nuovo Ecobonus auto devono essere nuove e con emissioni di CO2 non superiori a 110 g/km.

In particolare, i veicoli M1 devono presentare i seguenti requisiti:

  • essere acquistati in Italia da persone fisiche o giuridiche tra 1° agosto 2020 e il 31 dicembre 2020;
  • avere un prezzo netto Iva – da listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice – inferiore a 50mila euro (IVA esclusa) nel caso di emissioni fino a 60 g/km o inferiore a 40mila euro (IVA esclusa) nel caso di emissioni tra 61 e 110 g/km;
  • applicazione da parte del venditore di uno sconto pari a 2 mila € in caso di rottamazione o 1 mila € senza rottamazione.

 

Proviamo a fare due conti

  1. Per chi acquista una nuova auto Euro 6 gli incentivi arrivano fino a 3.500 euro (1.500 euro di Ecobonus auto + 2 mila euro di sconto fatto del concessionario); in questo caso però, per ottenere l’Ecobonus auto si deve rottamare un mezzo vecchio almeno di dieci anni. Diversamente, il bonus si dimezza a 750 euro (con mille euro garantiti dal concessionario).
  2. Se invece si sceglie un’auto elettrica o ibrida con emissioni di CO2 tra 0 e 60 g/km, c’è sempre l’Ecobonus al quale si aggiunge un ulteriore contributo di 2 mila euro e altri 2 mila euro di sconto del venditore. Anche in questo caso bisogna rottamare una vecchia auto, diversamente il contributo si dimezza a mille euro più i mille euro della concessionaria. Nel dettaglio, sommando gli incentivi, le auto elettriche con emissioni tra 0 e 20 g/km di CO2 godono di aiuti fino a 10 mila euro se c’è la rottamazione e di 6.500 senza. Le auto ibride con emissioni tra i 21 e i 60 g/km di CO2, invece, hanno aiuti fino a 6.500 in caso di rottamazione e fino a 3.500 senza rottamazione.

Dal 1° agosto, oltre alle novità già entrate in vigore lo scorso 22 luglio per l’acquisto di veicoli di categoria L (ciclomotori, motocicli e veicoli analoghi) con la rottamazione, si potrà prenotare online l’Ecobonus per l’acquisto – anche in leasing finanziario – di veicoli senza dover consegnare un veicolo per la rottamazione. In questo caso il contributo applicato sarà del 30% del prezzo di acquisto fino a massimo 3mila euro, mentre è del 40% del prezzo d’acquisto fino a massimo 4mila euro con la rottamazione.

 

di Gianluca De Candia,

Responsabile Gestione Commerciale Leasing Banca Ifis

 

 

Torna all'archivio di "Auto e Veicoli"
Show Buttons
Hide Buttons