Lease e sostenibilità: dall’Europa all’Italia

1.10.2020 • Antonella Cimagalli

Mitigare i cambiamenti climatici, arrivare a zero emissioni inquinanti entro il 2050, promuovere comportamenti e abitudini più rispettosi dell’ambiente da parte dei cittadini. Gli obiettivi del Green Deal, il piano strategico della Commissione Europea per una maggiore sostenibilità, stanno facendo convergere tutti i Paesi dell’Unione verso una più consapevole coscienza ecologica. Una transizione che passa anche per l’innovazione dei tradizionali modelli imprenditoriali e che punta a cambiare il modo in cui si produce e si consuma, in un’ottica più green e all’insegna della sostenibilità. Lo scopo è quello di avere un’economia circolare e “pulita”, che guardi a prodotti riutilizzabili e che si possano riparare e perfino riciclare. Anche l’Italia è coinvolta in questo processo per trasformare i problemi climatici in nuove sfide verso un cammino ecosostenibile e a zero emissioni. Una strada non semplice, ma allo stesso tempo non impossibile da percorrere fino alla fine.  La Legge di Bilancio 2020, per esempio, ha messo a disposizione un fondo dedicato con risorse per oltre 4 miliardi di euro, proprio per incentivare programmi specifici di investimento.

Il Leasing sostiene il green

Se fino a pochi anni fa il leasing era visto solo come un comodo vantaggio fiscale, oggi lo si può guardare come un ulteriore mezzo per arrivare alla sostenibilità ambientale.  Il leasing è uno degli strumenti green che può essere di sostanziale aiuto per raggiungere questo ambizioso obiettivo e traghettare così l’Italia verso un’economia circolare. Ne è un esempio il leasing di mezzi elettrici o ibridi, che sempre più stanno avendo successo nel nostro Paese. L’auto elettrica infatti è un’opzione che piace a chi si affida al leasing per rinnovare la propria vettura o il parco aziendale. Tuttavia, in Italia sono presenti ancora alcuni elementi da mettere a punto per farne la prima scelta da parte dei clienti. Il mercato si sta spostando verso una maggiore coscienza ambientale, con un innegabile occhio di riguardo alla sostenibilità. Uno studio dello scorso luglio di Assilea, l’associazione che rappresenta le società di Leasing, conferma che il binomio lease e sostenibilità è in costante aumento. Nel primo semestre del 2020 infatti, il leasing di auto elettriche a privati è cresciuto del 49,8% rispetto all’anno precedente. Le auto elettriche immatricolate in Lease nel 2019 sono state il 49% del totale, mentre quelle ibride il 24%. I numeri dunque sono incoraggianti, ma c’è ancora da lavorare. Sebbene gli incentivi abbiano dato una mano al mercato, in Italia però mancano ancora le infrastrutture che possano far pianificare un viaggio su una lunga tratta. Per questo Assilea si è fatta promotrice di alcune richieste al Governo per rafforzare il mercato dell’elettrico e dell’ibrido, promuovendo così la transizione contenuta nel Green Deal europeo:

  • Credito d’imposta per le infrastrutture di ricarica acquisite con leasing operativo o finanziario;
  • Regole più chiare per la misura Nuova Sabatini sugli incentivi che riguardano la sostenibilità ambientale;
  • Puntare sulla crescita dei veicoli commerciali sostenibili;
  • Pensare allo strumento del leasing anche per gli autobus elettrici.

 

 

Torna all'archivio di "Leasing e Noleggio"
Show Buttons
Hide Buttons