Auto elettriche: dati e prospettive di diffusione

7.07.2021 • Beatrice Maurizi

Ancora troppo costose o con un’autonomia troppo limitata: queste le obiezioni che molti scettici muovono al mondo delle auto elettriche. Ma è davvero così? Quali sono le prospettive di questo mercato? Vediamolo insieme.

 

Il futuro delle auto elettriche

L’obiettivo è il 2030: questa la data in cui il mercato si prefigge di portare la mobilità verso l’elettrificazione. I passi sono di progressivo avvicinamento a questo traguardo, i dati del primo quarter del 2021 evidenziano, infatti, un superamento dei motori full hybrid su quelli endotermici, nello specifico il diesel. Una prima tappa molto importante per il mercato italiano, a fronte di una più lenta avanzata dell’elettrico puro o plug-in hybrid rispetto ad agli altri principali paesi europei. In questo percorso è fondamentale la collaborazione e la sensibilizzazione di tutti: dai produttori, alle istituzioni, al cittadino.

Il mercato oggi accoglie via via modelli con fasce di prezzo più modeste rispetto agli albori, ma il sostegno all’acquisto, attraverso un piano pluriennale, e soprattutto l’adeguare l’infrastruttura di ricarica al cambiamento in atto sono componenti fondamentali del progetto zero emissioni.

In base al report del Boston Consulting Group “Who Will Drive Electric Cars to the Tipping Point?” le auto elettriche raggiungeranno un terzo del mercato mondiale nel 2025, fino ad arrivare al 51% nel 2030. Il diesel invece si prevede si contrarrà fino a raggiungere il 14%, mentre i motori benzina passeranno dal 78% del 2019 al 44% del 2030.

 

Il sostegno finanziario alla transizione

Non solo incentivi, la transizione verso le auto elettriche e ibride passa anche attraverso l’informazione e la comprensione di questo mondo, grazie alla sinergia di diversi attori. Questo è ciò che ha portato Banca Ifis da qualche anno a dedicare un prodotto leasing ad hoc per le auto elettriche, accompagnando l’offerta commerciale con altri servizi dedicati all’assistenza e all’approfondimento della mobilità elettrica, per dare risposte a bisogni reali come i punti di ricarica, le agevolazioni nazionali e locali, il pronto intervento in caso di batteria scarica.

Tutto ciò ha permesso a Banca Ifis di divenire il Top Player del mercato elettrico nel 2020 con una quota di mercato del 34%.

 

 

Torna all'archivio di "Auto e Veicoli"
Show Buttons
Hide Buttons